In ricordo di un amico

Victor Uckmar , grande amico e maestro di vita, è morto.

Lui ed io nel 1993 fondammo la Società Italia Argentina , associazione culturale bi nazionale di cui fu sempre il Presidente.

Ci conoscevamo da oltre trent’anni e mai nulla offuscò la nostra amicizia e collaborazione.

Ci sentivamo quasi ogni giorno , ci incontravamo spessissimo..

Con Lui e Umberto Eco , entrambi mi hanno onorato della loro amicizia, scompaiano nell’anno che finisce due uomini straordinari,

due grandi intellettuali, due grandi professionisti che hanno illustrato l’ Italia nel mondo , due uomini liberi e trasparenti .

Una volta dissi a Victor, suscitando il suo sincero sorriso che se la polizia avesse fatto irruzione in una stanza trovando un cadavere a pezzi

e Lui con un ‘ ascia sanguinante in mano dicendo ” non sono stato io ” , gli avrebbe creduto.

Una vita a testimonianza di ciò che un uomo può e dovrebbe essere.

 

Addio amico mio.

Mauricio Macri Presidente VI

 

 

 

 

 

 

 

Mauricio Macri Presidente della Argentina VI

Congreso de la Nación argentina 10 de diciembre de 2015

Dicorso di insediamento

Il Presidente Mauricio Macri giura fedeltá alla Costituzione ed assume i poteri nella stessa previsti per il mandato 2015 2019.

In un breve discorso il Presidente Macri ha toccato punti di fondamentale importanza per lo sviluppo socio economico del  Paese e per la civile convivenza interna ed internazionale .

Povertá ZERO ( parola che era ” proibita nel governo K che ne sosteneva la inesistenza nel paese Lotta alla corruzione, delinquenza e narcotraffico

Giustizia indipendente. Elogio dei  magistrati apolitici , no a magistrati ” macristi ” ( non sarete i benvenuti ) .Rapporti internazionali di pari dignitá , rivendicazioni di sovranitá ma senza conflitti.

Toni pacati, nessuna accusa ai governi precedent, promessa di essere sempre sincero e di non occultare nulla.

Ringraziamento ai vari candidati presidenziali e riconoscimento del loro ruolo nella democrazia argentina.

Un discorso da  statista di riferimento in Latino America.

Giorgio De Lorenzi

( segue )

mauricio macri presidente della argentina V

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Societa’ Italia Argentina

Lettera InformativaMauricio Macri Presidente della Argentina V

Cristina Fernadez de Kirchner non partecipera’ alle cerimonie del 10 dicembre di giuramento, assunzione dei poteri e gala al Colon

per protesta  contro la “riduzione ” decretata dalla magistraura di 12 ore del suo mandato.La presidente uscente ha fatto dire al suo portavoce ( ex servizi segreti ) che il chiarimento della magistratura argentina sulla cessazione dei suoi poteri alla mezzanotte del 10 dicembre e non dell’ 11  e’ un ” GOLPE DE ESTADO”.

Al di la’ della assurdita’ in se ( ci sarebbero stati due presidenti in esercizio per 12 ore ! ) la parola GOLPE in Argentina suona molto male ed è assai offensiva e destabilizzante.

Il defunto Presidente Nestor Kirchner licenzio’ un cappellano militare perchè utilizzo’ ‘ verso i corrotti la frase evangelica

” meglio per loro legarsi una pietra al collo e buttarsi in mare ” perchè ricordava i ” voli della morte” e la gente buttata in mare…e forse lo toccava sul vivo…

La sua vedova  ormai per fortuna presidente per poco  evidentemente è fuori controllo ed attacca istericamente.

Giorgio De Lorenzi

( segue )

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Societa’ Italia Argentina

Lettera Informativa

Mauricio Macri Presidente della Argentina IV

10 dicembre 2015 : Il passaggio dei poteri .

Il Presidente eletto diviene Presidente in carica al momento del giuramento nel Parlamento ed a lui solo spettano tutte le decisioni successive  compresa quella solo protocollare della cerimonia di trasferimento delle insegne del potere , bastone e sciarpa.

La presidente K uscente ( p minuiscola ) sostiene che lei sara’ presidente fino alle 23.59 e 59 secondi del 10 dicembre come prevede il codice civile per il pagamento di una cambiale…

Secondo la K quindi per una decina di ore l’ Argentina avrebbe due presidenti .

A parte la assurdita’ delle argomentazioni questa posizione surreale nasconde un pericolo….chi infatti sara’ titolare delle sicurezza personale del Presidente Macri , della ” PIAZZA” e delle centinaia di delegazioni straniere ?

Chi ordinera’ o meno  interventi per disciogliere eventuali ma probabili blocchi stradali organizzati dalla organizzazione K Campora?

Neppure i militari repressori arrivarono a tanto e se ne andarono tra fischi ed insulti senza alzare la testa umiliati dall’odio popolare .

Giorgio De Lorenzi

( segue )

mauricio macri presidente della argentina III

 

Lettera Informativa

Mauricio Macri Presidente della Argentina III

La Presidente uscente Kirchner considera il Presidente entrante Mauticio Macri come un invasore della ” sua” Argentina K da ostacolare in tutti i modi anche adottando le tecniche russe della ” terra bruciata ” o biblicamente ” muoia Sansone K con tutti i filistei “.

Le rappresaglie vanno da veri e propri  sabotaggi economici, nomine di ambasciatori e funzionari , leggi ad hoc ecc ecc ad apparenti dispetti  come voler essere lei e non il Presidente eletto, che alle 00.01 del 10 dicembre diverra’ effettivo , a gestire le cerimonie di giuramento e consegna delle simbologie del potere. Non sono solo comunque dispetti un po’ patetici ma tentativo di golpe mediatico. Una cerimonia ripresa in mondo visione con decine di capi di stato e rappresentanti di governi che terminasse in una gazzara di fischi, urla, mortaretti  e tutto cio’ di cui è capace la banda del figlio K la ” Campora ” avrebbe un impatto assai negativo sulla nuova immagine della Argentina che Macri rappresenta .

La posizione di Macri conforta nella sua pacata durezza e determinazione : la gestione delle cerimonie spetta al nuovo Presidente .

Il rischio di gazzarra rimarra’ ma solo all’ esterno dei luoghi preposti Congresso e Casa Rosada e non all’interno come la K vorrebbe.

Giorgio De Lorenzi

( segue )